Credevo fosse una Legge invece era un calesse

Finché si resterà aggrappati a un sistema censorio che tenta di imporre l’accessibilità solo per legge ci saranno sempre forti pressioni politiche ed economiche (ma c’è differenza?) per annullare di fatto gli effetti delle norme. Inoltre, non faccio fatica a immaginare le grandi aziende e le multinazionali meno etiche che, a fronte dell’assenza di sanzioni serie, preferiranno pagare qualche multa piuttosto di investire nell’acquisizione delle competenze necessarie per includere l’accessibilità nelle loro strategie di product management.

Leggi l'articolo

Intervista ad Andreia Jeque. Inclusione e comunicazione

«Italiani brava gente», si diceva dopo la seconda guerra mondiale. Un mito ovviamente. Non siamo per nulla brava gente, perlomeno non più di altri popoli. Il tema del razzismo in Italia è ampiamente sottovalutato, se non rimosso. C’è ancora in molti l’illusione che sia un problema altrui. Eppure basta studiare la nostra storia coloniale o pensare a come l’immigrazione sia stata gestita negli ultimi due decenni per avere qualche dubbio.

Leggi l'articolo

Manifesto della formazione decente

Questo è un manifesto dimesso, mi accontento della decenza. Un manifesto umile, quindi, che non ha alcuna pretesa di solennità rivoluzionaria. Anzi, figurati che la base è il costruttivismo, roba vecchia. Ma tant’è la formazione aziendale, ammettiamolo, fa così schifo che anche uno ignorante come me può provare a dire la sua.

Leggi l'articolo