Salta al contenuto
Close
Hit enter to search or ESC to close

Archivio per:

Design

Intervista a Consuelo Battistelli. La diversità come valore.

Ho conosciuto Consuelo quando entrambi eravamo tra i pionieri dell’accessibilità dei sistemi informatici in Italia, sono passati molti anni ma il carattere e la determinazione sono sempre gli stessi. Oggi Consuelo è Diversity Engagement Partner per IBM e si occupa della progettazione, realizzazione, sviluppo e promozione di progetti strategici interni ed esterni, nazionali ed internazionali, sui temi: Women, LGBT, Work life integration, Generational, People with disability e Multicultural.

Gli scappati di casa della UX

Solo una persona molto presuntuosa o molto stupida può pensare di non avere rivali nel suo campo. Io sono convinto esattamente dell’opposto: so di essere bravo nel mio lavoro ma so anche che esistono professionisti più bravi di me nel mercato. È una questione di consapevolezza di sé.

Il manager-centered design e altri mostri

C’è una mostruosa ignoranza rispetto al lavoro del designer. Poche persone, nella catena alimentare dell’ecosistema aziendale, sanno davvero cosa sia il design e alcuni sono affetti da un complesso di inferiorità creativa che ricorda gli inizi della carriera da pittore di Hitler, e quando alla frustrazione aggiungi il potere di solito il risultato è un disastro. Per descrivere il nostro calvario quotidiano potremmo dire che il collega sta al designer, come l’antivaccinista sta al medico.

14 consigli per approcciare l’Inclusive Design (AKA Web Accessibility) con la giusta mentalità

Il mio lavoro e la mia vita sono cambiati, ma sono contento che oggi si parli nuovamente di accessibilità, le definizioni sono diverse, ora è più di moda parlare di Inclusive Design, ma la sostanza è la stessa. Ho deciso, quindi, di scrivere una serie di suggerimenti che, forse, potranno essere utili a chi approccia per la prima volta questa disciplina.

L’espertismo

Perché anche persone razionali e colte, che in altri contesti eviterebbero di esprimere opinioni, consapevoli della loro ignoranza specifica, quando si tratta di design entrano in modalità Dolce e Gabbana?